La mappa del Redentor a cura di Lele Vianello e Guido Fuga racconta al modo delle antiche cartografie la festa più amata dai veneziani. Non vi darà indicazioni precise per districarvi nel labirinto veneziano, non vi condurrà in nessun luogo eppure vi permetterà di sognare e rivivere la stessa magia che la festa, la sua tradizione ancora viva e i luoghi  di Venezia raccontano.

La mappa del Redentor vale più di mille foto!

Nel 1575 l’Italia fu investita da una tremenda epidemia di peste: il Redentore, la chiesa che sorge alla Giudecca ad opera di Andrea Palladio e la festa relativa rappresentano la magnificente riconoscenza di un popolo ad un voto religioso, che perdura da secoli con immutato coinvolgimento.

La festa del Redentor riunisce tutti i veneziani e ormai sempre più spesso è l’occasione ideale per riunire sotto lo stesso cielo ogni anno sempre più numerosi anche i turisti che restano incantati con il naso all’insù ad ammirare lo spettacolo pirotecnico dei foghi e non solo.

Si svolge sempre la notte del sabato (il terzo di luglio) in un’atmosfera di allegria e condivisione tutti appostati per tempo o lottando a caro prezzo pur di esserci lungo le rive della Giudecca, delle Zatttere, di Riva degli Schiavoni e ovviamente da veneziani a bordo della propria imbarcazione.

Il canale della Giudecca è pieno di barche di ogni tipo, addobbate con frasche, fronde, e i classici baloni del Redentor,  luci molto pittoresche e kitsch, costruite con lanterne di carta colorata e illuminate da un lumino, e imbandite con tavole rustiche.

redentor-2Formato aperto: 50 X 70 cm, piegata in una busta 16 X 16 cm.

Prezzo €10,00ISBN 978-88-87505-13-9

Iscriviti alla newsletter di Geografismi

Iscriviti alla newsletter di Geografismi

Non perderti le novità sui nostri percorsi!

Grazie per esserti iscritto alla newsletter!

Pin It on Pinterest